Fotografie Vietnam 2018

Saigon (Ho Chi Minh City) il vero centro del Vietnam

Saigon (Ho Chi Minh City) il vero centro del Vietnam

Ecco la fine del viaggio, o forse è il suo inizio, oggi si chiama Ho Chi Minh City, ma per me è e sarà sempre Saigon ed è qui che scatterò le prossime fotografie. Fotografie si, ma a che cosa, perchè ero davvero lì?

Dopo un’adolescenza a cavallo tra anni 70 ed 80 Saigon era diventata il centro di un mondo che immaginavo attraverso i film di una guerra appena finita, di una guerra persa dagli americani, di una guerra dove sembrava che Davide avesse davvero vinto Golia.

Il treno è arrivato lento, in un mattino nuvoloso e scuro, entrando nella pancia della città, diretto tra le vie attraversando strade e semafori, radendo i muri delle case passando a poche decine di centimetri.

Mi viene in mente quella famosa frase ‘sono solo a Saigon‘.

Continua a leggere

Hoi An e le sue tradizioni

Hoi An e le sue tradizioni

Non distante da Hue ecco la prossima tappa del viaggio, la famosa Hoi An chiamata anche la città delle lanterne, un posto sicuramente iconico per le foto.

Oltre a questo un ottima base per escursioni alla vicine isole o alle rovine di My Son. L’impatto con la città è stato positivo ma l’ammontare del numero dei turisti è semplicemente esagerato.

Una folla che si sopporta in quanto Hoi An è uno dei pochi paesi dove è possibile osservare le antiche case dei mercanti cinesi lungo i canali ed il fiume.

Continua a leggere

My Son e le rovine Khmer del Vietnam

My Son e le rovine Khmer del Vietnam

Mentre eravamo alla scoperta di dintorni di Hoi An non ho perso occasione per una sveglia alle cinque del mattino per arrivare al sito archeologico di My Son e fare delle foto all’alba. Si tratta di un antico sito archeologico a circa 70 chilometri da Da Nang davvero meritevole da visitare.

L’atmosfera di My Son è molto rilassante, la foresta tutta intorno respira l’aria del mattino e la natura si risveglia mentre i raggi del sole iniziano a scaldare le rovine. Nel 1999 l’UNESCO lo ha inserito tra i patrimoni dell’umanità.

Continua a leggere

Hue l’antica capitale imperiale del Vietnam

Hue l’antica capitale imperiale del Vietnam

Hue attende placida sulle rive del grande fiume dei profumi, e le prime foto a Hue sono dal treno, incapace di trattenermi vedendo finalmente una luce decente. Dopo ore di treno, a centinaia di chilometri da Hanoi, finalmente il sole, il cielo azzurro.

Le ragioni per visitare Hue sono molte ed ogni visita in Vietnam difficilmente si conclude senza passare per Hue.

Siamo nella zona più stretta del paese mare e montagne distano solo una cinquantina di chilometri, una zona fertile, ricca di cultura e sede della antica capitale del paese con splendidi palazzi per lo più rinchiusi in una cittadella fortificata.

Intorno uno sviluppo notevole, moderno, associato a molte case tradizionali con giardini bellissimi, una vitalità ed una energia invidiabili, gente indaffarata ovunque, sempre pronta a mangiare qualcosa. Non sono un esperto in materia ma mi viene detto che in zona si trova il cibo vietnamita migliore.

Continua a leggere

Sapa ed il nord Vietnam sotto la pioggia

Sapa ed il nord Vietnam sotto la pioggia

Dopo la capitale del Vietnam, dopo la bellezza della baia di Halong ci siamo diretti verso la cittadina di Sapa ed avevo in mente di fare delle foto alle magnifiche montagne al confine tra Vietnam e Laos, tra le più alte di tutta la penisola un tempo chiamata Indocina.

L’idea era di esplorare la zona, eventualmente salire con la cabinovia sul monte Fasipan, fare delle escursioni tra risaie e panorami unici, ed infine dirigersi ancora più a nord verso Dien Bien Phu il famoso sito in cui si è combattuta la battaglia finale contro i francesi ed il loro colonialismo. I vietnamiti vinsero, fu una sconfitta clamorosa per la Francia, ed era il 1954. Continua a leggere

La baia di Halong tra nubi e monsoni

La baia di Halong tra nubi e monsoni

Dopo le giornate trascorse ad Hanoi l’idea era quella di farsi una bella nuotata e scattare delle foto nella famosa baia di Halong ma il progetto di riempirsi di crema solare in Vietnam è davvero ‘naufragato’.

La pioggia ci ha inseguito da Hanoi sino ad Halong ed anche se arrivati sulla costa il cielo a tratti si è aperto nulla da fare, pioveva incessantemente.

Le migliaia di isole immerse nella nebbia e nelle nubi hanno comunque offerto uno spettacolo affascinante, davvero insolito, forse più originale e curioso della solita foto di questo paradiso tropicale decantato in tutte le guide turistiche ed illuminato dal sole.

Non mi aspettavo una tale bellezza e non mi aspettavo le condizioni meteo, i primi di settembre li immaginavo più secchi ma tutta l’umidità dell’oceano non può che scatenarsi proprio lungo la costa, per questo ho sempre trovato gli altri paesi del Sudest Asiatico dell’entroterra decisamente percorribili e visitabili anche verso fine Agosto.

Continua a leggere

Hanoi la capitale politica e culturale del Vietnam

Hanoi la capitale politica e culturale del Vietnam

Il primo impatto con il Vietnam arrivando ad Hanoi è stato forte, erano diversi anni che non tornavo nel Sudest Asiatico per delle foto e trovarmi di nuovo immerso nel caos, negli odori, nell’atmosfera fradicia di monsoni, circondato da sciami di motorini ed umanità ha avuto il suo effetto.

La scelta del quartiere vecchio di Hanoi come punto base è stata azzeccata, tutto quanto è molto vicino. Il laghetto è a pochi isolati e lì subito si respira meglio. Il lato negativodel quartiere vecchio di Hanoi è che non ci si muove proprio, si è letteralmente sommersi di persone, quasi non si cammina, i marciapiedi sono tutti occupati da venditori o veicoli vari.

Mi aspettavo qualcosa del genere ma se non sei mai stato in Asia può essere una bella botta. La gente è davvero molta e se le strade sono strette come nel quartiere vecchio tutto si blocca. Continua a leggere