Vedute dall’Empire State Building in New York

Era una meravigliosa giornata di sole e vento, avevo la possibilità di fare ottime foto di New York vista dall’Empire State Building con condizioni davvero di eccezionale visibilità.

La cosa non capita spesso quindi ho approfittato, ho lascito perdere musei ed altre attrazioni per salire su quel bellissimo ascensore d’altri tempi ed arrivare alla terrazza panoramica dove tirare fuori l’obbiettivo zoom da viaggio.

Nonostante la ressa e gli innumerevoli visitatori è stato possibile gestire la cosa senza grandi difficoltà, facendo alcuni scatti interessanti.

La terrazza panoramica dell’Empire State Building è piuttosto ampia e si può girare intorno ammirando la città e l’isola di Manhattan da varie angolazioni.

Foto gallery: immagini di New York dall’Empire State Building

Quello che mi piace di più di questo paesaggio davvero unico è il fondersi di elementi naturali come il fiume e l’isola con elementi antropici, con i grattacieli ed i ponti che hanno completamente riscritto, ridisegnato, plasmato il posto.

Per non parlare di alcuni grattacieli molto particolari, immortalati centinaia di volte dal cinema, l’inconfondibile forma liberty del Chrysler Building e da qui lo si può ammirare benissimo.

La costruzione dell’Empire State Building era in forte concorrenza con altri progetti a New York per il titolo di “edificio più alto del mondo”.
Lo scavo per questo famoso sito di New York iniziò il 22 gennaio 1930, la costruzione iniziò simbolicamente il giorno di St.Patrick.

Il progetto coinvolse 3.400 lavoratori, per lo più gli immigrati arrivati ​​a New York dall’Europa, insieme a centinaia di lavoratori indiani Mohawk, molti provenienti dalla riserva di Kahnawake vicino a Montreal.

Secondo i resoconti ufficiali solamente cinque operai morirono durante la costruzione, davvero si fa fatica a crederlo.

Gli altri due progetti in lotta per il titolo erano il 40th Wall Street ed il Chrysler Building, che però erano ancora in costruzione quando iniziarono i lavori.
L’Empire State Building, dopo il suo completamento, superò i rivali a soli 410 giorni dall’inizio della costruzione.

L’apertura dell’Empire State Building però coincise con la Grande Depressione negli Stati Uniti, di conseguenza gran parte del suo spazio per uffici, non riusciva ad essere dato in affitto.

L’edificio era inoltre gravato dalla sua posizione sulla 34th Street, relativamente lontano dai mezzi pubblici di New York.
A causa di tutto questo l’Empire State Building non sarebbe diventato redditizio fino al 1950.

Sembra incredibile pensare che il caratteristico campanile Art Deco di questo grattacielo è stato originariamente progettato per essere un ormeggio ed attracco per dirigibili.
Tutto il 102° piano era originariamente stato disegnato per essere una piattaforma di atterraggio.
Un ascensore apposito, tra 86° e 102° piano, avrebbe dovuto trasportare i passeggeri dopo il check-in presso il ponte di osservazione al piano 86°, ma l’era dei dirigibili era ormai alla fine, e non fu mai usato il tal senso.

Lascia un commento

Seguimi sui social networks

linkedin twitter pinterest flickr 500px

Condividi queste immagini

- I campi contrassegnati con * sono richiesti ma il vostro indirizzo email non sarà pubblicato in nessun caso.
- Per ricevere gli avvisi in merito al commento non dimenticate di usare le checkbox!

    Potrebbero interessarti anche queste foto...

    • Tornando a New YorkTornando a New York Non posso credere di essere arrivato di nuovo a New York, ricordo le vecchie foto, forse […]
    • Granary Burying Ground in BostonGranary Burying Ground in Boston Scoprendo Boston mi sono imbattuto in un posto davvero particolare che ha subito […]
    • Rockport e il suo portoRockport e il suo porto Subito dopo dopo Gloucester, nel corso della stessa giornata, mi è stato possibile […]
    • Gloucester e le sue vittimeGloucester e le sue vittime I miei ultimi giorni a Boston sono stati abbastanza strani, il tempo è stato terribile, […]
    • Salem e i suoi fantasmiSalem e i suoi fantasmi Ero a Salem in una giornata di terribile pioggia, non certo ideale per scattare delle […]
    • Boston CityBoston City Finalmente a Boston, sono arrivato a destinazione assolutamente senza una meta, in […]