foto Torino

Torino nera, Piazza Statuto e la fontana del Frejus

Torino nera, Piazza Statuto e la fontana del Frejus

Questa sarà una serie di immagini decisamente particolare ed insolita, ho deciso di scattare delle foto alla Fontana del Frejus situata in Piazza Statuto a Torino. La luce non era forse delle migliori, forse troppo diffusa, ma utile per le foto a delle statue ed alcuni scatti non sono venuti male. Una luce più forte con ombre scure a bianchi cangianti avrebbe dato meno chiarezza alle sculture. siamo quindi in presenza di una luce neutra, utile allo scopo.

La scultura che adorna la fontana fu ideata dal Conte Marcello Panissera per ricordare l’inaugurazione del traforo del Frejus nel lontano 1879. L’opera in se consiste in una piramide di enormi massi, provenienti proprio dallo scavo del traforo, sovrastati da un Genio alato che domina sulle diverse statue marmoree dei Titani abbattuti. Ad una prima lettura sta a simboleggiare il trionfo della ragione sulla forza selvaggia e animale.

Continua a leggere

Torino e i Gargoyles

Torino e i Gargoyles

Nonostante sia nato e cresciuto a Torino solo ultimamente comincio a conoscerla. Non basta camminare guardandosi intorno ma bisogna spostare lo sguardo anche verso l’alto, le cose più curiose sono spesso proprio sopra il proprio naso.

Si passa migliaia di vole in un posto, lungo una via, ed alla fine noti i Gargoyles i mostri, i volti, sono sempre stati lì testimoni del passare del tempo e della gente. Il centro storico di Torino, in particolare la zona occupata dalle Banche tra Via Alfieri, Via XX Settembre, Piazza San Carlo, è ricco di queste presenze.

Dopo gli scatti di Piazza San Carlo mi sono riproposto di tirare nuovamente fuori il teleobiettivo e di fare alcuni scatti dei dettagli di altre creature, di sicuro una piccola parte di quello che esiste in città, oramai dovreste aver capito che Torino è davvero un posto particolare per le foto e non solo.

Continua a leggere

Torino e le fontane dei fiumi Po e Dora

Torino e le fontane dei fiumi Po e Dora

Era una giornata splendida, così ho deciso di andare a fotografare Piazza C.L.N. a Torino, una volta chiamata ‘Piazza delle due Chiese’. Non si tratta di una piazza grande, ma di una minore di Torino, attraversata da via Roma.

Il nome attuale deriva dal Comitato di Liberazione Nazionale, costituitosi in Italia con la fine del fascismo. Non abito distante e mi ero ripromesso di fare questi scatti, foto alla piccola piazza e alle fontane dei fiumi Po e Dora, detta anche fontana dei due fiumi.

Una volta arrivato in piazza Piazza C.L.N. in realtà mi sono accorto che i problemi da affrontare per fare le foto che avevo in mente erano due: la gente che immancabilmente è seduta sul bordo delle fontane, e la luce, che volevo fosse omogenea e simile per entrambe le statue.

Continua a leggere

Torino e il portone con simboli massonici

Torino e il portone con simboli massonici

Torino è una città strana, misteriosa, dove bene e male si fondono, dove la misura e l’equilibrio tra le forze della natura e dell’uomo muta costantemente ed è oggetto di attenzione da millenni.

Una storia che non poteva che essere intrisa di simboli massonici. La città di Torino è quindi ricca di simboli strani, esoterici, di demoni e di angeli, ne abbiamo già visti alcuni negli album di foto precedenti.

Oltre al portone del Diavolo, di cui abbiamo già parlato, esiste un altro portone ligneo molto interessante, in via Alfieri 19, vicino a Piazza Solferino.

Continua a leggere

Vita e morte a Torino

Vita e morte a Torino

Si tratta di una serie di scatti fatti a Torino in circostanze molto diverse, senza una logica, una passeggiata per varie vie del centro storico di Torino, una visita al cimitero monumentale della città, alcune piazze.

Mentre osservavo queste foto di Torino mi sono immediatamente reso conto che andavano insieme, che si incastravano opposte ed antitetiche, inevitabilmente si attraevano una con l’altra.

La vita, il gioco, il divertimento, il clown, la strada, la chiesa, la religione, la tomba. Immagini di un filo unico che unisce tutto questo, un filo sottile ma essenziale. Continua a leggere

Torino ed i volti mostruosi di Piazza San Carlo

Torino ed i volti mostruosi di Piazza San Carlo

Si tratta di una delle più importanti piazze di Torino il vero centro del capoluogo piemontese, decisamente il salotto della città. Piazza San Carlo è lunga 168 metri e larga 76 è inserita all’interno dell’asse viario di Via Roma, che la collega a Piazza Castello e a Piazza Carlo Felice.

È il consueto luogo per gli avvenimenti storici e sociali, comizi, manifestazioni, presentazioni, scioperi, concerti; insomma il salotto bene della città. Qualunque turista o visitatore passa inevitabilmente di qui, e si ferma a fare una foto ricordo di Torino, pronto a raccogliere immagini che usi un telefonino o una macchina reflex professionale.

Personalmente è una delle mie piazze preferite, specialmente da quando è diventata completamente pedonale e le auto non sono ammesse, si crea subito un luogo libero da interferenze ed idoneo per degli scatti. Continua a leggere

Torino e il portone del Diavolo

Torino e il portone del Diavolo

A Torino, in via Vittorio Alfieri, sorge un edificio antico, oggi sede di una banca. L’edificio ha un bellissimo ed enorme portone di legno massiccio scuro, intarsiato, molti visitatori si fermano ad osservarlo e pochi ne conoscono l’origine.

Si tratta di Palazzo Trucchi di Levaldigi, una costruzione imponente fatta erigere nel 1673 su disegni di Amedeo di Castellamonte dal ministro delle finanze di casa Savoia. Il portone è decorato con fiori, angeli, frutta, ma quello che non può non colpire è il batacchio, al centro del portone, ottone lucido, un Diavolo sorridente.

Molti torinesi curiosi lo conoscono come il portone del Diavolo  alcuni si fermano ad osservarlo, qualche turista ogni tanto scatta una foto ricordo di Torino ma in realtà pochi sanno davvero cosa sia tanto meno la sua lunga ed intrigante storia.

Un tempo fu sede della Reale Fabbrica dei Tarocchi di Torino, ed alla carta numero 15, appunto il Diavolo, si fa risalire la figura del batacchio. Continua a leggere

Mole Antonelliana con neve

Mole Antonelliana con neve

Lo scorso inverno, ho realizzato che non avevo mai fotografato la Mole Antonelliana vista dai giardini reali. Si tratta di una prospettiva molto interessante, priva delle auto e del traffico del centro, purtroppo è una zona in cui passo raramente e quindi vuoi più per pigrizia che per altro non avevo mai fatto queste foto di Torino.

La nevicata è stata un occasione davvero ottima per fare questi scatti che avevo in mente, aggiungendo un tocco di magia alle immagini.

Nel sito troverete altre foto della Mole Antonelliana, immagini scattate da tutt’altra zona, del resto è praticamente impossibile venire a Torino senza fotografare il suo simbolo, la sua icona, oramai di fatto una sorta di suo logo.

Continua a leggere

Angeli in Torino

Angeli in Torino

Girando per Torino e facendo attenzione a dove si va, potrebbe succedere di imbattersi non solo in mostri, demoni, Gargoyles, ma anche Angeli. Torino, la città magica per eccellenza è un insieme di forze del bene e del male.

Gli Angeli che ho fotografato si trovano nel centro storico di Torino, a reggere la balconata del primo piano di uno strano palazzo all’angolo di Via Pietro Micca con Via San Francesco d’Assisi, quasi in Piazza Solferino, davvero un bell’edificio.

Non si nota molto, devi conoscerlo, il palazzo una volta guardava direttamente una tra le più belle piazze di Torino ma ora è quasi sepolto, oscurato, nascosto, da un enorme ed orribile grattacielo di quindici piani costruito negli anni 60′.

Continua a leggere

Guerra e passato a Torino

Guerra e passato a Torino

Ero fuori a godermi il piacevole primo sole di primavera, quando ho deciso di approfittare della luce e di fare delle foto alcune statue disseminate per il centro storico di Torino.

La più interessante è sicuramente un monumento ad un cavallo morente durante la famosa battaglia di Novara durante la prima guerra d’indipendenza in Italia, si tratta di un monumento situato in Piazza Solferino a Torino, il cavaliere era Ferdinando di Savoia, fratello del re.

Le immagini della statua esaltano la tensione e la sofferenza del cavallo, una statua davvero unica nel suo genere, si tratta a tutti gli effetti di una statua per commemorare il cavallo più che il cavaliere. Continua a leggere

Nevicata a Torino

Nevicata a Torino

Nel 2010 abbiamo avuto davvero un buon inverno a Torino con un sacco di pioggia ed un poco di neve, non molta, nulla che possa fermare la vita della città. Gli anziani dicevano che è facile trovare la miseria sotto l’acqua, ma il pane si trova sotto la neve che protegge il grano dal gelo, parole davvero sagge.

Purtroppo il clima cambia e le nevicate in questi ultimi anni a Torino sono sempre più rare,  ricordo invece benissimo che quand’ero ragazzino ogni anno almeno una nevicata decente in città la faceva, inutile nasconderselo, gli inverni erano decisamente più rigidi.

Così mi sono alzato in fretta, ho infilato la macchina foto dentro un bel sacchetto di plastica per proteggerla e mi sono diretto al Parco del Valentino per scattare alcune foto di Torino sotto la neve. Quello che mi colpiva era la luce diffusa, i forti contrasti, e lavorare mentre ancora nevicava non è stato affatto facile, tutto si è risolto in alcune ore.

Continua a leggere

Torino al tramonto in Piazza Solferino

Torino al tramonto in Piazza Solferino

Si tratta di una delle piazze più famose e storiche di Torino, Piazza Solferino è situata nel trafficato centro cittadino e si presta a fare moltissimi tipi di fotografie differenti, dai monumenti ad altri dettagli insoliti, soprattutto negli isolati adiacenti.

Abito in una piccola strada proprio sul retro di piazza Solferino, ed un giorno mi sono meravigliato delle immagini riflesse dagli alberi sull’Atrium durante un tramonto. Così mi sono andato a casa a prendere la mia Canon 450D ed ho iniziato a scattare le foto di Torino che vedete.

In questo caso ad affascinarmi al centro della piazza erano i padiglioni dell’Atrium, progettato da Giugiaro, e caduto subito in disuso dopo i Giochi Olimpici Invernali di Torino 2006 per i quali è nato e che ha ospitato Sponsor Village, lo spazio in cui i principali sponsors delle olimpiadi si presentavano. Una costruzione sicuramente discutibile e non certo intonata alla piazza, ma che creava interessanti giochi di luci e riflessi di immagini.

Continua a leggere

Camminando per Torino

Camminando per Torino

Abitando praticamente nel centro storico di Torino mi piace fare lunghe passeggiate, cerco quando possibile di vedere cose speciali in luoghi normali in cui passo ogni giorno, l’arte, alla fine, è negli occhi del fotografo.

Per le vie che penso di conoscere da sempre, continuo a camminare e ad un certo punto trovo una immagine nuova, quasi come andare a caccia di qualcosa. Sembra incredibile ma la fotografia è anche questo.

In questo portfolio, uno dei tanti che spero seguiranno su Torino,  vi è una raccolta miscellanea di foto scattate imparando ad usare la mia Canon 450D, la mia prima macchina fotografica digitale. La luce per le foto era davvero ottimale in queste giornate e mi sono divertito esplorando i segreti dell’autofocus e degli zoom.

Continua a leggere

Fuochi artificiali di San Giovanni a Torino

Fuochi artificiali di San Giovanni a Torino

Ogni 24 giugno a Torino, si tengono i fuochi d’artificio per la festa in onore di San Giovanni, il santo patrono della città, un tipo di festa comune in molte città italiane. Ognuno ha il suo patrono di cui essere orgogliosi, la propria giornata di celebrazione.

Ci si sente in questo periodo un pò tutti più torinesi, anche coloro ai quali i fuochi d’artificio non fanno nessun effetto, si tratta della condivisione di un momento di appartenenza alla città. Il 24 giugno è la data in cui tutto nella città sabauda si ferma, si scende in piazza e si fa festa, delle foto di Torino che non potevano mancare.

Prima di oggi non avevo mai scattato di notte delle foto ai fuochi d’artificio e volevo assolutamente sperimentare scatti in notturna con la mia nuova Canon 450D, è davvero incredibile ciò che è possibile raggiungere con un treppiede e una sensibilità ISO elevata.

Continua a leggere