Notre Dame Chimere e Gargoyles

Ecco un altro approfondimento ed altre foto scattate a Parigi, immagini di quella che ritengo un incredibile opera d’arte senza tempo, la cattedrale di Notre Dame e la sua famosa galleria delle Chimere, qualcosa per cui vale il viaggio, almeno per me.

Anche qui ore di coda per poter salire attraverso l’angusta scala a chiocciola che porta in cima, alla galleria, da dove si gode di uno spettacolo impareggiabile per fare delle foto.

Ecco apparire le immagini di primo piano dei Gargoyles ed al tempo stesso, come sfondo, il panorama di Parigi sotto di loro, quasi ne fossero i muti custodi e protettori.

Foto gallery: immagini di Notre Dame con le sue Chimere e Gargoyles in Parigi

In effetti mi chiedo quante persone abbiano chiara, o almeno conoscano per sommi capi, la lunga storia dietro Notre Dame un opera architettonica davvero unica.
Io stesso ho scoperto da poco che la parte frontale della chiesa e quindi tutti i relativi Gargoyles, sono in realtà molto recenti, non certo medioevali.

Tutto inizia nel 1160 quando il vescovo di Parigi promosse la costruzione di una nuova e più ampia cattedrale, la città del resto era diventata la capitale del regno di Francia, un importante centro economico e culturale da celebrare.

Vennero demolite le due chiese di Santo Stefano e di Nostra Signora, il nuovo edificio sarebbe sorto in stile gotico.
La costruzione di Notre Dame fu condotta in due fasi: nel 1250 venne completato l’edificio, mentre solo nella metà del XIV secolo si raggiunse l’aspetto attuale.

Dopo i danni inflitti alla cattedrale di Notre Dame durante la Rivoluzione francese e le sommosse del 1830 era necessario un importante intervento di restauro.
Sebbene fosse stata riaperta al culto, la chiesa versava in pessime condizioni, curiosamente un importante ruolo nella campagna di sensibilizzazione per il restauro della cattedrale lo ebbe lo scrittore Victor Hugo e vi fu un grande interesse nei confronti di Notre Dame.

Il restauro del 1841 ebbe come scopo quello di ricondurre la cattedrale alle originarie caratteristiche medioevali, creando un’unità di stili e integrando, tuttavia, elementi architettonici ed artistici di epoche successive.

La facciata, in avanzato stato di degrado fu oggetto di un importante restauro, che comportò il ripristino dei bassorilievi dei portali e la ricostruzione delle varie statue. Il restauro non fu esente da polemiche per varie ragioni, in particolare la realizzazione delle chimere della Galleria delle Chimere non presenti in origine.

La Galleria delle Chimere si trova ad un altezza di 46 metri dal suolo, inquietanti e spettacolari statue, animali ibridi, metà tra uccelli e mostri favolosi, che dalle torri fissano terribili e ricurvi la città.

Ma qual è la genesi di Chimere e Gargoyles? Per trovare una spiegazione possiamo analizzare l’etimologia dal latino gurgulium, ovvero un’onomatopeica che indica il rumore dell’acqua ad indicare la funzione di doccione, ovvero la parte finale dello scarico per l’acqua piovana che si protende da un cornicione o da un tetto per far defluire l’acqua lontano dai muri.

Le forme diverse sono da attribuirsi alla simbologia delle Sacre Scritture, e al noto bestiario medievale. Le immagini affascinanti che ne risultarono sono diventate per taluni dei demoni dai quali i cristiani possono rifuggire entrando in chiesa, per altri delle creature protettrici poste a guardia della città.

Fortunatamente durante la Comune di Parigi del 1871 non ci furono gravi danni, l’edificio venne anche risparmiato durante le due guerre mondiali ed oggi possiamo ammirarlo in tutta la sua bellezza.

Le foto fatte Gargoyles che dominano Parigi anno ampiamente ripagato l’attesa per salire ed i relativi disagi, veramente un atmosfera magica, complice il tempo che nelle ultime ore del pomeriggio si era annuvolato.

Viene sempre da chiedersi in questo genere di foto quanto risalto dare alle due parti dell’immagine, alla statua o allo sfondo, ho cercato di non estremizzare troppo nessuno dei due casi mettendo a fuoco ovviamente la creatura ma non mettendo troppo fuoricampo lo sfondo di Parigi, come sempre sono gusti, se chiedete a dieci fotografi avrete dieci risposte diverse.

NOTE:
Il 15 aprile 2019 un terribile incendio ha devastato la cattedrale di Notre Dame, le fiamme si sono diffuse velocemente, raggiungendo l’intero tetto e distruggendo la struttura in legno, ancora quella originale,  fatta di oltre 1300 querce.

Lascia un commento

Seguimi sui social networks

linkedin twitter pinterest flickr 500px

Condividi queste immagini

- I campi contrassegnati con * sono richiesti ma il vostro indirizzo email non sarà pubblicato in nessun caso.
- Per ricevere gli avvisi in merito al commento non dimenticate di usare le checkbox!

  • Un buon reportage, il cielo scialbo non ti ha certo aiutato, ma ciò non autorizza le prime due foto di presentazione ad un un cielo così azzurro Le inquadrature mi piacciono, sei riuscito a dare risalto a queste creature che sembrano controllare e dominare la città.
    In qualche foto forse avrei preferito uno sfondo più soffuso, con meno “chiarezza”.

Potrebbero interessarti anche queste foto...

  • Geometrie e foto della Torre EiffelGeometrie e foto della Torre Eiffel Ed eccoci qui, alla meta più turistica ma immancabile della visita fatta a Parigi, […]
  • Torre Saint JacquesTorre Saint Jacques La Torre Saint Jacques è uno degli edifici più interessanti a cui fare foto Parigi, uno […]
  • Catacombe di ParigiCatacombe di Parigi Non c'è che dire, le Catacombe di Parigi sono davvero uniche, un altra idea per delle […]
  • Cannes astrattaCannes astratta Una breve pausa al mare, nei dintorni di Cannes, durante una lunga convalescenza […]
  • Camminando per ParigiCamminando per Parigi Si tratta di foto scattate durante un breve soggiorno a Parigi, immagini semplicemente […]
  • Piazza Ducale a VigevanoPiazza Ducale a Vigevano Ecco un'altra bellissima escursione alla scoperta di capolavori quasi dietro l'angolo, […]