Fotografie Cambogia 2001

Banteay Srei e Battambang

Banteay Srei e Battambang

Subito dopo Angkor mi sono diretto nella zona di Banteay Srei, un complesso archeologico molto interessante, sicuramente ottimo per delle belle foto, risalente al decimo secolo e dedicato al Dio indù Shiva.

Dopo aver contrattato l’escursione con un autista di motorini ho passato l’intera giornata tra la polvere, il caldo e la terra rossa del Sudest Asiatico, ammirando sculture e bassorilievi magnifici, attorniato dai soliti bambini onnipresenti.

Banteay Srei è costruito in gran parte in arenaria rossa, un tipo di roccia friabile e tenera che ben che si presta alle elaborate sculture decorative che sono ancora oggi osservabili. Continua a leggere

La magnificenza di Angkor Wat

La magnificenza di Angkor Wat

Il complesso archeologico di Angkor Wat è davvero una delle meraviglie del mondo un posto dove non poseresti più la macchina foto, sapendo di dover partire ho acquistato la mia prima reflex Canon proprio per fare questi scatti.

Qualunque viaggio nel Sudest Asiatico non può prescindere da una visita a queste rovine a questa memoria, a questa eredita lasciataci da una civiltà perduta nel tempo. Siamo di fronte ad una grandezza e ad una maestosità raramente raggiunte dal genere umano.

Per anni ho cercato di immaginare Angkor ma non ero nemmeno vicino nell’immaginare l’esperienza di visitare le rovine per davvero.

Continua a leggere

Gli antichi templi di Phnom Udong, Phnom Chisor e Tonle Bati

Gli antichi templi di Phnom Udong, Phnom Chisor e Tonle Bati

Dopo aver visitato Phnom Phen mi sono spinto a catturare immagini e foto dei templi di Phnom Udong e Phnom Chisor, dei siti non molto distanti dalla capitale.

In entrambi i casi mi sono organizzato con un driver ed il suo motorino, in merito ai taxi o ad altre forme di trasporto siamo infatti ancora messi molto male.

La prima meta è stata Phnom Udong, una antica capitale del regno tra il 1618 e il 1866, situata circa 40 km a nord di Phnom Penh.

Continua a leggere

Killing Fields e l’orrore di Tuol Sleng

Killing Fields e l’orrore di Tuol Sleng

Una volta arrivato ai Killing Fields rimasi lì con la macchina foto in mano, senza sapere cosa fare, cosa dire, dove andare.

Era come se potessi sentire i fantasmi di tutti gli uomini, donne, bambini, anziani, deportati da Phnom Penh e morti lungo la strada, magari perché avevano gli occhiali, perché parlavano una lingua straniera, perché erano intellettuali, perché avevano tardato qualche secondo ad obbedire ad un ordine.

Dopo l’arrivo dei Khmer Rossi in città in pochi giorni la città di Phnom Penh fu svuotata, la gente deportata, la proprietà privata abolita, le banche distrutte i soldi bruciati.

Continua a leggere

Ed ora finalmente Phnom Penh

Ed ora finalmente Phnom Penh

Phnom Penh negli anni venti era conosciuta come la ‘Perla dell’Asia’ una rinominata capitale dell’antica Indocina francese, e nel mio viaggio in Cambogia non potevo che partire ed iniziare a scattare foto proprio da questo posto.

Si tratta della città più ricca e più popolosa della Cambogia, un insieme di architettura francese e Khmer davvero unico che mantiene ancora oggi intatto un fascino coloniale unico.

Phnom Penh è indubbiamente il punto di partenza per un viaggio in Cambogia ed è l’inizio della strada che porterà ad Angkor, un posto davvero unico al mondo che ho sognato per anni di visitare.

Continua a leggere